Le onde sono very cool ma non si improvvisano

Tagli emo,tagli uomo,tagli donna,tagli con frangia,tagli lunghi con frangia,taglicorti,taglisfilati,

colori di capelli,tagli alla moda,aldo coppola,toni&guy,capelli acconciature,immagini capelli,
bellezza capelli,colore capelli,consigli capelli,pettinature capelli,tendenza capelli,
tendenze capelli,idee capelli,acconciatura capelli,colori capelli,capelli sposa,capelli maschili,capelli mossi,capelli lisci,riviste capelli,accessori capelli,capelli femminili,modelli capelli,stile capelli,capelli scalati,capelli medi,capelli caschetto,frangia capelli,pettinatura capelli,extension capelli,capelli donne,capelli viso,capelli
.

Pubblica sulla tua bacheca di facebook quest'articolo

 

 

 

Suggerisci ad un tuo amico questa pagina!
Email destinatario:

 

 

 

 

 

 

 


«Ridando i capelli l' effetto iperfemniinile per eccellenza è dato dalle onde: hanno un po' la stessa valenza dei tacchi alti per le gambe» dice Moroni. «iI look che abbiamo visto nelle sfilate si ispirano a diverse tendenze del passato, ripescando negli anni 50, 70 e 80. Sofisticate e flessuose, queste chiome hanno però un limite: come vere e proprie acconciature, sono il frutto di un lungo lavoro di styling».
Quindi niente fai-da-te? «L'onda non è né il boccolo che ottieni con il ferro né l'effetto naturale di un capello mosso. E data da un lavoro più complesso di phon e spazzola tonda o di ciocche lavorate con il ferro grosso e spettinate ad arte. Quindi, a meno che non si abbia un'ottima manualità, bisogna farsi acconciare in salone. Del resto il motivo per cui le onde sono così chic, sta proprio nel fatto che danno un effetto "volutamente appena uscita dal parrucchiere"». Hai citato tendenze del passato... «Si possono individuare tre look: quello american giani, tipico delle dive degli anni 50; quello Seventy delle Charlie's Angels; quello aggressivo anni 80 che si rifa al look della famosa top model di allora, Jerry Hall». Iniziamo dall'american giani «E dato da onde morbide e un po' rarefatte, come quelle della modella biondo platino della sfilata di Chloé, che sono lavorate con phon e lacca. La lunghezza giusta è quella del carré medio-corto, con riga da una parte. Elegante e curata, è un'acconciatura ideale per una donna dai 35 in su, che deve essere perfetta tutti i giorni e a tutte le ore. Senza preoccuparsi di dover fare una piega in più alla settimana». E lo stile Charlie's Angels? «In questo caso il trucco c'è ma non si vede. Guarda l'altra modella della sfilata di Chloé: sembra abbia capelli
asciugati al naturale, ma osservando meglio, sono impeccabili. Su una chioma lunga almeno sotto le spalle, con riga laterale, si creano onde molli con il ferro tondo grosso e poi si spettinano accuratamente con spazzola e phon. Il biondo in questo caso aiuta, perché il capello decolorato ha il vantaggio di mantenere meglio certe pieghe. Questo è un look abbastanza trasversale che si adatta bene alle trentenni di oggi». E il look piti aggressivo anni 80? «Anche questa piega (la foto della sfilata di Issa) è ideale su capelli medi o, meglio, molto lunghi. Per questo si adatta soprattutto alle giovanissime. Si ottiene con la classica messa in piega con i bigodini di almeno 5 cm di diametro. Una volta asciutti, si spazzolano i capelli accuratamente e si dà il tocco glamour: si tirano tutte le ciocche da un lato (partendo dalla riga laterale) e si fermano dietro la nuca con un pettinino. Una dritta che si può declinale anche sui capelli lisci».
 

 

 
 

 

Sostieni la bellezza